Antonio Martin: Panca da 430 libbre non allenata a Superstar Para Powerlifting

Antonio Martin Bench Prep

Dopo essere diventato paraplegico all’età di 23 anni, quando gli hanno sparato mentre cercava di interrompere una rissa mentre lavorava alla sicurezza in una discoteca, Antonio Martin ha perso appena un colpo.

“È stato un po ‘impegnativo, ma non troppo. Ho praticato sport per tutta la vita e ho sempre gareggiato, quindi è stato un aggiustamento “, ha detto Martin, ora 31enne, ex giocatore di football del college e dell’Arena League.

Dopo aver trascorso cinque anni a vivere uno stile di vita sedentario dopo che è stato colpito, un amico gli ha suggerito di provare a gareggiare con il peso del peso. Quindi, nel 2017, Martin si è iscritto a un evento sportivo paralimpico che offriva un colpo di pistola.

Ha vinto l’evento e poi ha scoperto che c’era anche una competizione di para powerlifting lì, quindi si è iscritto a quello.

“Non sapevo quanto peso mettere sulla barra. Non mi allenavo da cinque anni da quando mi sono infortunato. Avevo appena giocato ai videogiochi “, ha detto.
Antonio Martin Bench
Quando tutto fu detto e fatto, Martin vinse la competizione con una facile panca da 300 libbre.

“E poi la signora al l’evento diceva: “Perché non vediamo quanto in alto puoi andare?” Quindi abbiamo continuato ad aggiungere peso e sono arrivato a 430 libbre. Poi non avevano più peso, quindi ho dovuto smetterla “, ha detto.

In quel momento Martin si rese conto di avere un talento serio.

” A c’erano molte persone ei ragazzi stavano inciampando in quello che avevo sollevato. La gente si allena per tutta la vita per cercare di prendere quell’ascensore, e io ero appena uscito dal divano a sollevarlo “, ha detto.

Tre anni dopo, Martin, che pesa 370 libbre a sei piedi e sei, vanta una panca da 500 libbre ed è il detentore del record americano nella sua classe di peso nel powerlifting paralimpico, un’impresa che è riuscito a raggiungere senza un allenatore. Sebbene 500 libbre sia il suo miglior sollevamento da competizione, che ha colpito ai Campionati del mondo in Kazakistan nel 2019, ha messo in panchina 600 libbre in allenamento.

“Sono praticamente autodidatta. Guardo i video di YouTube e vedo cosa fanno le persone. Provo le cose e qualunque cosa funzioni per me, è quello che faccio “, ha detto Martin, che non segue nemmeno un programma di formazione ufficiale.

Foto: Hiroki Nishioka

Nonostante tutto, Martin insiste che la sua prospettiva sulla vita non è cambiata molto quando ha subito la sua lesione spinale incompleta da un proiettile che è ancora conficcato nel suo petto oggi.

Attribuisce a Dio e alla sua famiglia, sua moglie e tre figli, il merito di averlo aiutato a continuare la sua vita quando è diventato costretto su una sedia a rotelle.

“Ho avuto un grande sostegno da mia moglie, e i miei figli erano piccoli all’epoca e non volevo che mi vedessero giù di morale. Volevo mostrare loro che puoi ancora lottare per la grandezza indipendentemente dalle tue circostanze “, ha detto.

Ha aggiunto:” Credo ancora che Dio mi tirerà fuori da questa sedia un giorno e mia moglie mi sostiene ogni singolo giorno, quindi non mi sono mai arrabbiato … Voglio dire, avrei potuto essere ucciso quella notte, quindi è stata una benedizione che ne fossi uscito vivo. ”

Antonio Martin Bench Prep
Foto: Hiroki Nishioka

Avere un ottimo sistema di supporto lo ha anche aiutato a creare un’organizzazione chiamata Bros to Pros, che aiuta I giocatori di football del centro città, che non hanno voti sufficienti per giocare al college, continuano a giocare a calcio nell’Arena League.

Il messaggio di Martin: “Non smettere mai. Non mollare mai. Puoi sempre ispirare, non solo te stesso, ma gli altri ad andare avanti, a continuare a inseguire quella strada verso la grandezza. ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *